logo
Recapiti e Orari della Sede
Corso Cavour, 50/B
62100 MACERATA (MC)
Tel. 0733 231349
Fax. 0733 232197
Orari Ufficio:
09:00-20:00 (continuato)
dal Lunedì al Venerdì
Contatti Segreteria:
merlini.e.associati@libero.it
Dove Siamo →
Studio Legale Merlini e Associati | FAQ - Studio Legale Merlini e Associati - Macerata
Qui trovi consigli utili e le risposte alle tue domande. Cancella i tuoi dubbi!
15670
page-template-default,page,page-id-15670,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Studio Legale Merlini & Associati

FAQ

DIRITTO CIVILE

Devo promuovere un giudizio in sede civilistica, posso conoscere anticipatamente i costi che dovrò sostenere?

È obbligo dello studio, al momento del conferimento dell’incarico e previa esplicitazione delle difficoltà che potrebbero verificarsi durante la trattazione del giudizio, formulare un preventivo scritto che Lei andrà a valutare e sottoscrivere per accettazione.

Vorrei risolvere una questione senza intraprendere un lungo percorso giudiziale, come posso fare?

Istituzionalmente lo studio esperisce un’analisi finalizzata a verificare le reali possibilità di giungere ad un accordo transattivo in sede stragiudiziale, in un primo momento mediante formale dialogo con la controparte, successivamente tramite la negoziazione assistita e/o il procedimento di mediazione. Nell’eventualità che si debba necessariamente procedere al giudizio, nelle fasi della
trattazione verrà comunque verificata la possibilità di addivenire a soluzioni bonarie del giudizio, con abbandono del medesimo.

È morto uno dei miei genitori, insieme all’altro e ai miei fratelli/sorelle erediteremo il patrimonio immobiliare. Cosa dobbiamo fare?

Lo studio provvederà entro un anno dalla morte del de cuius, a predisporre denuncia di successione, a mezzo della quale verranno indicati i diritti spettanti a ciascun erede, in considerazione della “successione legittima” o della “successione testamentaria”, al fine di trasferire la proprietà dei beni in capo agli eredi. Se le parti ne hanno interesse, si procederà poi a divisione della comunione mediante piano divisionale che assegni a ciascun dividente, singoli beni in proprietà esclusiva, con eventuali conguagli, qualora i valori immobiliari non siano del tutto rispondenti.

DIRITTO BANCARIO

Sto chiudendo un rapporto di conto corrente con la mia banca e non sono convinto del saldo passivo che l’istituto mi richiede, cosa posso fare?

Lo studio è specializzato nella trattazione di situazioni relative ai rapporti bancari e in particolare nella contestazione dei saldi “apparenti”, per i quali gli istituti di credito richiedono il rientro.

La situazione viene affrontata verificando, a mezzo di perizie tecnico-contabili, l’applicazione dei tassi di interesse correlati ai costi del conto applicati dalla banca, quali “massimo scoperto”, oggi “messa a disposizione del danaro”, interessi moratori, spese di conto ecc., al fine di riscontrare eventuali sforamenti degli interessi legittimi previsti dal codice civile e verificare se eventuali somme debbano essere riconosciute a credito del correntista, ai fini della determinazione del saldo effettivo dovuto alla banca.

DIRITTO SOCIETARIO

La mia società ha un credito nei confronti di un’altra società cui ha effettuato forniture, quali sono le possibilità di recupero?

Previa costituzione in mora del debitore, lo studio esperisce un’indagine sull’azienda debitrice, ai fini di valutare eventuali proprietà immobiliari, debiti con le banche, trascrizioni pregiudizievoli, consistenza patrimoniale ecc, eventualmente mediante la visura presso la camera di commercio.
Se vi sono i presupposti per procedere, inizia il procedimento vero e proprio (es. debito liquido ed esigibile). Verrà predisposto il decreto ingiuntivo per recuperare il credito; successivamente, se necessario, si procederà al pignoramento di beni mobili o immobili, o crediti vantati nei confronti di terzi.

DIRITTO DI FAMIGLIA

Ho problemi in famiglia, per una perdurante incompatibilità caratteriale con il mio coniuge, per cui vorrei prendere in considerazione una separazione.

Innanzitutto, occorre predisporre un incontro tra voi coniugi, eventualmente alla presenza dell’avvocato di fiducia di sua moglie/marito, con la finalità di vagliare l’opportunità di una separazione consensuale. Espletato il tentativo, non andato a buon fine, verrà iniziata la procedura volta d una separazione giudiziale, tenendo conto degli interessi che emergeranno e affidandosi alla decisione del tribunale competente. Chiaramente qualsiasi decisione dovrà tenere conto dell’interesse di eventuali figli minori, che la legge tutela primariamente.

INFORTUNISTICA STRADALE

Ho avuto un sinistro stradale, come persona trasportata, e ho riportato lesioni personali. Cosa devo fare per essere risarcito?

Indipendentemente dalla responsabilità per la causazione del sinistro, il trasportato ha il diritto di essere risarcito dalla compagnia assicurativa del proprietario del mezzo. Successivamente sarà necessario acquisire la documentazione necessaria alla quantificazione del risarcimento del danno:
eventuale verbale delle forze dell’ordine intervenute sul posto e tutte le perizie mediche, comprovanti il perdurare della malattia ed ai fini della determinazione dell’esistenza di eventuali postumi invalidanti tali da determinare un risarcimento a titolo di danno biologico.

Mi hanno ritirato la patente per guida in stato di ebbrezza, a quali conseguenze vado incontro ?

Al ritiro della patente per guida in stato di ebbrezza conseguono due diversi tipologie di sanzione:
la prima, più lieve, è la sanzione amministrativa nel caso in cui l’indice alcolemico non superi lo 0,8 g/l; al superamento di tale soglia consegue invece sanzione penale. Situazione per situazione, andrà verificato se eventuali terapie (quale, ad esempio, la somministrazione di medicinali) possano aver alterato l’esito dell’alcool test, ovvero verranno vagliate tutte le ipotesi esterne a quella dell’assunzione di alcool. Ulteriore nostra premura sarà quella di predisporre il ricorso in sede amministrativa per verificare l’eventuale diritto a riduzione dei termini di ritiro (es. necessità lavorative).

Richiedi una consulenza! Saremo lieti di aiutarti!